La Vecchia

DSC_9627_01
regia e drammaturgia Rita Frongia
con Marco Manchisi e Stefano Vercelli
è parte del progetto La Trilogia del Tavolino

Questo spettacolo parla di quello che tu capisci.
Parla del senso nefasto della Vecchia con le parole di Rimbaud e il romanesco di Gioachino Belli.
Parla quando si può, ma è dove non si può dire che nasce una risata, lì dove il linguaggio trova un limite. È oltre il  limite del risaputo che trattiamo un’umanescenza che si rivela fragile, minata dalla ripetizione, dal giorno cui ne segue un altro e un altro.
E la mattina ci si sveglia con lo stomaco ritorto da un’idea di vita che non si fa realtà.

Due uomini dividono un tempo alla ricerca dei tempi, dell’istante, di quel tratto che rivela.

Una commedia malincomica per attori in ascolto (e audaci).

Poeta: “La cenere del cuore si espande, il cuore si espande, si espande, ma quanto si deve espandere questo cuore per contenere tutta questa cenere? E la cenere che non riesce a contenere,dove la mettiamo? Dove le mettiamo le cose morte?”

Mago: “Te voglio di’ una cosa. Noi pensiamo d’avecce un core grande dove ce se po’ infilà tutte le cose,invece ciavemo er core come il palmo de ’na mano, ’na manciata de coriandoli e non ci sta più nulla”.

Lo spettacolo ha debuttato al festival Città e Città, a Modena, il 9 giugno 2016.

Prossime date

15 giugno, Festival delle Colline Torinesi, a Torino

Date passate

22 e 23 marzo 2019, Carrozzerie n.o.t., a Roma
12 aprile 2019, Spazio Matta, a Pescara
12 gennaio 2019, Teatro Caverna, a Grumello al Piano (BG)
16 dicembre 2018Fuori Luogo, a La Spezia
5 luglio 2018, Piccolo Festival di Teatro a Montecchio Emilia
28 giugno 2018, festival InEquilibrioXXI a Castiglioncello
10 giugno 2018, festival Città e Città
11 e 12 marzo 2017, rassegna Fuor di Teatro a Monte San Vito
2 settembre 2017, festival Sorseggiare Cultura di Bergamo
18 novembre 2017, rassegna del Teatro Due Mondi di Faenza
9 giugno 2016, debutto al festival Città e Città di Drama Teatro